homeenglish

Regolamento per il tirocinio

Il Consiglio del Corso di Laurea Magistrale in Pianificazione Territoriale, Urbanistica e Paesaggistico-Ambientale adotta i seguenti criteri per indirizzare il tirocinio.
 

  1. Il programma formativo del tirocinio deve essere sviluppato all’interno degli argomenti e con organizzazioni che operano nei settori del corso di laurea, ovvero nel campo della pianificazione territoriale, dell’urbanistica, delle politiche urbane, della pianificazione paesaggistica e di quella ambientale.
  2. Il tirocinio potrà essere condotto all’interno di organizzazioni sia pubbliche che private, una volta che siano state stipulate le previste convenzioni con l’Ateneo.
  3. Vengono stabiliti i seguenti casi di incompatibilità:
    1. nelle organizzazioni ospitanti private non debbono operare a nessun titolo professori che svolgono insegnamenti nel corso di laurea in qualsiasi posizione, nel medesimo anno accademico del tirocinio;
    2. l’incompatibilità del punto precedente si estende anche ad anni accademici diversi qualora il docente impieghi il tirocinante in lavori professionali privati essendo relatore della sua tesi di laurea oppure qualora insegni in laboratori od esami non ancora sostenuti dallo studente.
  4. Il Consiglio raccomanda di preferire gli enti pubblici locali, gli enti pubblici di settore e le agenzie o società a prevalente capitale pubblico.
  5. Non costituisce incompatibilità, ai fini del tirocinio, la partecipazione al Corso di Laurea, in qualità di docenti, di dipendenti dell’ente pubblico ospitante.
  6. I responsabili dei laboratori, sia del primo che del secondo anno, e soprattutto i tutor per la tesi di laurea sono responsabilizzati ed impegnati a stabilire contatti e ricercare accordi con quelle istituzioni o organizzazioni che operano nell’ambito delle tematiche affrontate all’interno della propria attività didattica in modo da assicurare delle esperienze operative in connessione con le esercitazioni didattiche nello svolgimento del tirocinio.
  7. La funzione di coordinamento per i tirocini viene svolta dal presidente del Corso di Laurea o suo delegato.
  8. Con la formazione del manifesto degli studi, i responsabili dei laboratori avanzano le proposte di tirocinio, al fine di assicurare sufficienti opportunità ai tirocinanti.
  9. La medesime proposte possono essere avanzate da qualsiasi altro componente del Consiglio.
  10. I proponenti il tirocinio, lo motivano con le connessione all’insegnamento di cui sono responsabili ed indicano gli obiettivi formativi dell’esperienza esterna, assumono la funzione di tutor e relazionano al consiglio sui risultati, al fine del riconoscimento dell’esperienza dello studente e degli indirizzi generali da adottare per i successivi programmi formativi
  11. Non è ammesso il tirocinio all’interno dell’Università.
  12. Previa approvazione del Consiglio, il tirocinio può essere conteggiato come CUF in numero non maggiore di 2 in aggiunta a quanto stabilito nel manifesto per il tirocinio, per coprire carenze di crediti liberi.
  13. Tali indirizzi non modificano o sostituiscono le norme d’Ateneo in materia.

 

Per informazioni sui Tirocini

dott. Fausto Felici

email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

tel. 0812538048

Palazzo Gravina, 2° piano

Via Monteoliveto 3- Napoli

 

 

Modulistica tirocini

word Convenzione

word Convenzione in Inglese

Scheda Informativa (da allegare alla convenzione)

Schema Progetto Formativo Extramoenia

word Schema progetto Formativo in Inglese

Schema Progetto Formativo Intramoenia

Libretto Tirocinio Extramoenia

Libretto Tirocinio Intramoenia

Webstaff | Regolamento | Mappa del Sito | © DiARC Dipartimento di Architettura via Toledo, 402 - 80134 Napoli ITALY | fax +39 081 2538717 | P.IVA 00876220633